Menu +39 0474 590133

La storia della “Ciasa Al Mornà”

Da abitazione del mugnaio di Longiarù a Chalet nelle Dolomiti

Disegno mugnaio

Prima dell’avvento del turismo, che sostiene ormai tutte le famiglie della Val Badia, nella valle vigeva un’economia di pura sussistenza. Malgrado l’altitudine elevata e le condizioni climatiche rigide quasi al limite della sostenibilità, i contadini di Longiarù coltivavano già nel XV secolo segale, orzo, avena, fave e patate.

A partire dal 1700, per polverizzare i cereali e trasformarli in farina si iniziarono a costruire i mulini ad acqua. I mulini sono ben radicati nella valle di Longiarù, che un tempo ne contava ben 40 di diverse tipologie. L’importanza di questi edifici per l’economia locale è percepibile dai cognomi locali e soprattutto dalla toponomastica. Infatti, l’edificio originario dello Chalet Mornà veniva indicato come “Al Mornà” che in ladino significa “al mugnaio” e la località dove sorgeva chiamata “Plan Morin”, che significa “piana dei mulini”.

Il nome della località deriva dalla passata concentrazione di meccanismi che sfruttavano la forza dell’acqua. Plan Morin ospitava infatti, oltre al mulino “Al Mornà”, una segheria veneziana, gli impianti di battitura e di raffreddamento di una fucina e altri 3 mulini ad acqua; tutti alimentati dallo stesso corso d’acqua.

A Longiarù i mulini non hanno mai funzionato come entità produttiva autonoma, bensì servivano unicamente a coprire il fabbisogno dei singoli masi, o del gruppo di masi che lo possedevano.

Disegno Antermeia

La casa “Al Mornà” rappresentava l’eccezione alla regola: ospitava infatti l’unico mulino che macinava per conto di terzi. Costruita nel 1756 e ultimata nel 1770, come testimonia l’affresco ancora visibile all’esterno, l’edificio era l’unico mulino costruito in muratura e l’unico a contenere un’abitazione. Mentre la quasi totalità dei mulini entrava in funzione due volte l’anno, tendenzialmente in autunno e primavera quando si macinava ininterrottamente giorno e notte, la casa “Al Mornà”, aveva un’attività molto più costante, anche se il solo mestiere di mugnaio non bastava comunque al sostentamento della famiglia.

L’arte della costruzione dei mulini e il mestiere del mugnaio sono inevitabilmente scomparsi con il trascorrere del tempo. Il movimento e il suono delle pesanti ruote in legno hanno dovuto arrendersi all’avvento dei motori elettrici. I mulini rappresenteranno comunque una testimonianza della cultura materiale contadina e della storia della Val Badia.

Allo Chalet Mornà ci impegniamo a mantenere vivo questo ricordo.

Newsletter

Ami la Val Badia, le sue località e la natura delle Dolomiti. Allora iscriviti!